nunhems-logo.png
10 dicembre 2021
Italia

Il Carciofo, un tenero guerriero

Carciofo nunhmes (1).jpg
Vito Carrieri
Account Manager Carciofo Centro-Sud
Aurelio Boncoraglio
Sales Specialist Carciofo, Carota e Anguria Sicilia
Daniela Pucillo
Sales Specialist Pomodoro da Industria e Carciofo Centro-Sud
Sotto la corazza del re dell’orto si nasconde un guerriero dal cuore tenero. Siamo in piena stagione di produzione e raccolta di quest’ortaggio che ci stupirà con le sue preziose proprietà benefiche. Scopriamo insieme caratteristiche, principi attivi e…gustose ricette!

La sua forza…la sua tenerezza

“Il carciofo dal tenero cuore si vestì da guerriero,
ispida edificò una piccola cupola,
si mantenne all’asciutto sotto le sue squame…”

Così il grande poeta contemporaneo Pablo Neruda canta nelle sue Odi elementari il Carciofo, immaginato come un guerriero pronto a difendersi dai nemici con le sue foglie spinose. Ma, sotto questa corazza ispida e irta, si nasconde il suo tenero cuore.  

Nell’ode che vi consigliamo di leggere, sarà una donna, dopo averlo scelto e acquistato per cucinarlo, a mettere allo scoperto la vera natura di questo ortaggio dalle mille protezioni. Il Carciofo, audace soldato, si arrende a questo incontro, costretto ad abbassare le sue difese, e scopre il suo lato più tenero, donando il suo cuore ormai conquistato. Ora, da ispido combattente, diviene amabile e gustoso, pronto a donare squisitezze forti e delicate a chi lo sa valorizzare.

La funzione tonificante del Carciofo, evidentemente, era già nota a Tolomeo Everegete, re dell’Egitto dal 246 al 221 a.C., se prescriveva ai soldati di consumarlo per rinvigorire forza e coraggio in guerra.

La ninfa ostinata dagli occhi viola ma dal tenero cuore

Cynara scolymus, è il nome scientifico del Carciofo che trae origine da uno struggente mito classico. La storia di una delle tante ninfe che rifiutarono le avances dell’onnipotente Zeus, la bellissima Cynara, dai capelli color cenere e dagli occhi verdi con riflessi violacei.

Per vendicarsi del suo rifiuto, il dio offeso, la trasformò in un ortaggio ispido e spinoso così come si era mostrata la ninfa in vita, preservando però ciò che l’aveva fatto innamorare: il cuore tenero e dolce come quello della ninfa che lo aveva conquistato, e il colore viola del suo fiore come quello dei suoi bellissimi occhi. 

Carciofo nunhmes (6).jpg

Una storia illustre tra artisti e regine

In realtà il Carciofo è già attestato in alcune raffigurazioni dell’antico Egitto, oltre che dalla letteratura greca, per risalire poi la nostra Penisola grazie agli Etruschi che ne avviarono la diffusione nel mondo latino. Lo ricordano diversi scrittori illustri, tra cui Teofrasto che ne esalta le preziose proprietà, e Plinio che sottolinea le qualità gourmant del Cynaria in ogni ricetta che lo veda impiegato.

Saranno gli Arabi ad attribuire al nostro ortaggio il nome moderno di Al-Kharsuf, che significa spina di terra o pianta che punge. Sempre gli Arabi lo esportarono, poi, in Spagna.

Dalle fonti che ce lo hanno tramandato risulta molto chiaramente come si trattasse di un alimento molto raffinato, apprezzato da re e regine, come nel caso di Caterina de’Medici che lo portò con sé in Francia perché non voleva rinunciare ai cuori di carciofi di cui era tanto ghiotta!

Splendido fiore o strutturata verdura, ancora oggi il Carciofo è il re dell’orto. Tipicamente mediterraneo, il Carciofo non ama i climi troppo freddi ed è una delle colture di punta del nostro Paese che ne è divenuto uno dei principali coltivatori.

Carciofo nunhmes (3).jpg

Cynaria scolymus, il più corteggiato dai nutrizionisti

In generale il Carciofo è composto per l’85 % di acqua e, per questo, è corteggiato da dietologi e nutrizionisti. Apportano poche calorie e sono ricchi di potassio, calcio, ferro, fosforo, oltre a custodire numerose sostanze antiossidanti.

Se vogliamo “spezzare” un eccessivo appetito prima dei pasti, il Carciofo fa per noi!

Con un apporto di sole 22 calorie per 100 grammi, si può consumare in tutte le sue parti, si tratta di una vera miniera di principi nutrizionali straordinari.

Dopo gli eccessi alimentari di una festa, il Carciofo è un ottimo rimedio per depurare il fegato. Infatti, possiede caratteristiche toniche e disintossicanti grazie alla cinarina che favorisce la diuresi e la secrezione biliare, aiuta a prevenire l’ittero, l’epatite e la cirrosi epatica.

La sua funzione disintossicante viene poi rafforzata dalla ricchezza dei preziosi acidi fenolici, potenti antiossidanti che proteggono il corpo dall’azione dei radicali liberi. Inoltre, grazie al contenuto di vitamina A, B e C, questo favoloso ortaggio favorisce una pelle morbida, liscia e purificata. Ancora, il re dell’orto, facilita il transito intestinale grazie all’elevato contenuto di fibre.

Ma non è tutto: il Carciofo aiuta il controllo del colesterolo, proteggendo l’organismo da infarti e ipertensione; favorisce la secrezione della bile, quindi migliora il metabolismo, stimola l’appetito e, consumato insieme ad alimenti ricchi di vitamina C, aiuta l’assimilazione del ferro nell’organismo.

FR_ARA_Creative1.jpg

Per tutte queste straordinarie proprietà, fin dal passato, il Carciofo è stato impiegato in tutte le sue parti, dal gambo al fiore, dalle foglie al cuore. Anche l’acqua di cottura è preziosa per tutti i contenuti che si liberano, e si presta per preparare ottime zuppe e minestre. Inoltre, è utilizzabile con successo anche per preparare infusi, tisane e decotti, impiegati sia come rimedio contro diversi “malanni”, sia nel settore dell’estetica, anche come cura di bellezza.

Come qualsiasi altro alimento, anche il Carciofo ha delle limitazioni, soprattutto per chi soffre di calcoli biliari in quanto questo ortaggio, consumato in eccesso, può provocare ostruzioni nel dotto biliare. 

E ora qualche curiosità per saperne ancora di più…

A questo punto credete di sapere tutto sul carciofo? Siamo disposti a scommettere che ancora vi manca qualcosa perché… non si finisce mai di imparare!

Avreste mai immaginato che fosse esistito il Festival annuale del Carciofo? Dove? In California, a Castroville, centro noto già dalla fine del ‘900 per la produzione, appunto, di carciofi.

Carciofo nunhmes (5).jpg

Ebbene, durante la prima edizione del Festival, fu eletta reginetta di bellezza con l’epiteto di Queen of Artichoke, nientemeno che la bionda di origine norvegese, allora ancora sconosciuta, Marylin Monroe!

Ma non è finita, lo sapevate che sognare un Carciofo, evenienza insolita…pensiamo noi…, significa che vi aspettano grandi fatiche per conquistare la donna che amate? Ricordatevi del guerriero carciofo…quando incontrerete la donna giusta, a nulla potranno le vostre difese e cadrete innamorati e vinti come l’audace ortaggio.

A meno che… provate a presentarvi da lei con uno splendido mazzo di carciofi. Non saprà resistere al loro splendido fiore viola! J

SESION ALCACHOFA

Informazioni sulla divisione Agricultural Solutions di BASF
Con una popolazione in rapida crescita, il mondo dipende sempre più dalla nostra capacità di sviluppare e mantenere un’agricoltura sostenibile e ambienti sani. In collaborazione con gli agricoltori, i professionisti del settore agroindustriale, gli esperti nella gestione degli infestanti e molti altri, il nostro ruolo è quello di contribuire a rendere ciò possibile. Questo è il motivo per cui investiamo in una solida filiera di Ricerca Sviluppo e in un portafoglio molto ampio, che comprende sementi e tratti genetici, difesa delle colture chimica e biologica, gestione dei terreni, salute delle colture, antiparassitari e agricoltura digitale. Con team di esperti in laboratorio, nei campi, nell’amministrazione e nella produzione, sappiamo coniugare un modo di pensare innovativo con azioni concrete per mettere a punto idee che funzionino nel mondo reale – per gli agricoltori, la società e il pianeta. Nel 2018 la nostra divisione ha generato un fatturato di 6,2 miliardi di euro. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito Internet www.agriculture.basf.com o uno dei nostri canali sui social media.

Informazioni su BASF
In BASF creiamo chimica per un futuro sostenibile. Uniamo al successo economico la tutela dell’ambiente e la responsabilità sociale. Più di 122.000 collaboratori del Gruppo lavorano per contribuire al successo dei clienti, in quasi tutti i settori industriali e in ogni Paese del mondo. Il nostro portafoglio prodotti è organizzato in cinque segmenti: Chemicals, Materials, Industrial Solutions, Surface Technologies, Nutrition & Care and Agricultural Solutions. Nel 2018 BASF ha generato vendite pari a 63 miliardi di euro. BASF è quotata nelle Borse di Francoforte (BAS), Londra (BFA) e Zurigo (BAS). Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito: www.basf.com.

Ultimo aggiornamento 10 dicembre 2021