Italia
Novità ed eventi

BASF rafforza la pipeline di innovazioni per un’agricoltura sempre più sostenibile

  • Un impegno continuo in Ricerca e Sviluppo a beneficio di agricoltori, ambiente e società
  • Sementi, soluzioni per la difesa e servizi digitali per un’agricoltura sempre più sostenibile
  • La pipeline di innovazioni contribuirà con un potenziale di vendita stimato di oltre 7,5 miliardi di euro

 

BASF rafforza le proprie attività di Ricerca e Sviluppo (R&D) per innovazioni sostenibili in agricoltura, che aiutino gli agricoltori a superare le sfide ambientali ed economiche e a soddisfare le richieste di consumatori sempre più attenti a selezionare prodotti coltivati in modo sostenibile.

Grazie a queste nuove soluzioni che verranno introdotte sul mercato nel prossimo decennio e che vanno a completare la pipeline, la società riuscirà a raggiungere l’obiettivo di crescita annuale del fatturato del 7% legato alla sostenibilità. Infatti, entro il 2030 più di 30 importanti progetti R&D andranno ad aggiungersi ad un’offerta sempre più integrata, composta da sementi e prodotti per la concia, soluzioni chimiche e biologiche per la protezione delle colture e servizi digitali. La pipeline di innovazioni contribuirà con un potenziale di vendita stimato di oltre 7,5 miliardi di euro. Dati in linea con gli investimenti BASF nella Ricerca e Sviluppo della divisione Agricultural Solutions che nel 2020 sono stati pari a 840 milioni di euro, una cifra che rappresenta circa l’11% del fatturato di questo segmento. Investimenti in innovazioni di alto livello che continueranno anche per tutto il 2021.

BASF è leader nelle soluzioni per l’agricoltura sostenibile. Oltre a creare innovazione, proponiamo un’offerta integrata, che combina prodotti, nuove tecnologie e servizi, studiati su misura in base alle esigenze dei clienti e ai loro diversi sistemi colturali in tutto il mondo” ha dichiarato Vincent Gros, Presidente della divisione Agricultural Solutions.

BASF ha fissato per la sua divisione dedicata all’agricoltura obiettivi di sostenibilità ambiziosi da raggiungere entro il 2030: oltre ad aumentare la quota di fatturato annuo delle soluzioni per l’agricoltura sostenibile, c’è un forte impegno a supportare gli agricoltori nella riduzione delle emissioni di CO2 del 30% per tonnellata di colture prodotte. BASF, entro il 2030, punta ad applicare tecnologie digitali a oltre 400 milioni di ettari di terreno coltivabile, continuando allo stesso tempo a garantire un utilizzo sicuro dei propri prodotti. Proseguirà, inoltre, il suo impegno nel contribuire all’evoluzione del sistema agroalimentare. “La sostenibilità è parte fondante del nostro intero processo di R&D, guida lo sviluppo delle nostre innovazioni, capaci di aiutare gli agricoltori a produrre di più e meglio, salvaguardando le risorse naturali” ha sottolineato Gros.

 

Un’offerta integrata per un’agricoltura produttiva e rispettosa dell’ambiente

Si stima che entro il 2050 gli agricoltori dovranno nutrire circa 9,7 miliardi di persone, il che richiederà un aumento della produttività del 50%. La digitalizzazione può dare un importante contributo a questo risultato. Per questo BASF sta sviluppando tecnologie digitali tra le più avanzate, insieme ad altre innovazioni che coprono l’intero portafoglio. Questi elementi combinati consentono agli agricoltori di ottenere una resa migliore già sui terreni attualmente coltivati, favorendo allo stesso tempo la conservazione della biodiversità.

Nel novembre del 2020 BASF e Bosch hanno firmato un accordo di joint venture per la commercializzazione e la vendita globale di soluzioni smart per l’agricoltura. Grazie a questa partnership, che è soggetta all’approvazione da parte delle autorità antitrust competenti, le due aziende prevedono di lanciare quest’anno la soluzione Smart Spraying. La nuova tecnologia riconosce le infestanti e consente un’applicazione precisa dell’erbicida, massimizzando l’utilizzo produttivo del terreno e riducendo così l’impatto ambientale, limitando il volume dei prodotti applicati. Inoltre, il nuovo modello di business xarvio® HEALTHY FIELDS, assicura agli agricoltori una strategia di difesa delle colture studiata su misura, specifica per campo e stagione, che consente loro di ottenere delle previsioni di resa ottimali. In questo modo, l'azienda risponde alle moderne sfide dell'agricoltura, alle esigenze della società e ai piani di azione della politica. L’offerta integrata di BASF si amplia ulteriormente con lo sviluppo di tecnologie che offrono caratteri di tolleranza agli erbicidi e con l’offerta di agrofarmaci studiati su misura per tali caratteri. Combinati con soluzioni per il controllo delle infestanti prima della fase di emergenza, consentono un’agricoltura che non richieda la lavorazione del terreno, limitando l’emissione di CO2 dal suolo, riducendo l’erosione del suolo e favorendo l’accumulo di humus.

 

Soddisfare la domanda crescente di alimenti prodotti in modo sostenibile

Per orientare costantemente il proprio portafoglio di prodotti verso soluzioni sempre più sostenibili, BASF applica già dalle prime fasi della Ricerca e Sviluppo il metodo Sustainable Solution Steering: unico nel settore e sottoposto a verifica indipendente da parte di terzi. “L’approccio del nostro R&D alle soluzioni per l’agricoltura è cambiato profondamente negli ultimi vent’anni. Ci stiamo orientando con successo verso soluzioni innovative, concentrandoci allo stesso tempo sulle future necessità degli agricoltori, della società e dell’ambiente,” ha dichiarato Peter Eckes, Presidente Bioscience Research di BASF.

Il portafoglio innovativo di insetticidi BASF è uno degli esempi di Sustainable Solution Steering realizzato con successo. Offre soluzioni che aumentano la produttività agricola e riducono l’impatto ambientale. Il principio attivo Axalion™ messo a punto da BASF, e in fase di valutazione autorizzativa, è l’ultima tra le innovazioni dell’azienda nel campo degli insetticidi. Con la sua modalità d’azione innovativa, aiuta gli agricoltori a salvaguardare la resa senza avere un impatto negativo sul suolo e sugli organismi acquatici o gli uccelli. Se applicato osservando le istruzioni riportate in etichetta, i prodotti a base di Axalion non hanno effetti sugli insetti utili. Il nuovo composto costituisce anche uno strumento essenziale nella prevenzione delle resistenze agli insetticidi. Altri esempi del portafoglio lanciati sul mercato recentemente sono i prodotti a base di Inscalis® per l’America del Nord e del Sud e l’Asia, insieme al Broflanilide, registrato per la prima volta a livello globale in America del Sud e Asia.

Le nuove varietà di sementi di BASF aiutano gli agricoltori a produrre in modo eco-compatibile quantità di alimenti sani e accessibili a tutti. Come le ultime varietà di sementi di spinaci che sono resistenti alla peronospora, una delle malattie fungine maggiormente impattanti. Prevengono la perdita del raccolto, coprono tutte le stagioni di crescita e detengono una quota di mercato significativa tra gli spinaci freschi. Queste caratteristiche offrono valore aggiunto per i coltivatori, per chi opera nel campo della lavorazione e distribuzione e per i consumatori. BASF investe anche nel campo dei sistemi di coltivazione in serra, come ad esempio la coltivazione idroponica delle lattughe. Queste richiedono meno terra coltivabile, consentono di risparmiare acqua rispetto alle coltivazioni tradizionali all’aperto e riducono la necessità di prodotti fitosanitari convenzionali. La tecnologia in serra consente di coltivare la lattuga indipendentemente dalla posizione geografica, rendendo possibile la coltivazione più vicino al consumatore, evitando lunghi tragitti logistici e riducendone le emissioni.

 

Per maggiori informazioni sulle innovazioni di BASF in agricoltura: AgInnovation.basf.com.

Maggiori informazioni

Scarica il PDF della news

Ultimo aggiornamento 18 marzo 2021