nunhems-logo.png
4 giugno 2024
Novità ed eventi

Meloni: i costi preoccupano, ma il clima spaventa

Il meteo sta complicando ogni aspetto legato alla coltivazione

In questo ambito, il ruolo del miglioramento varietale è cruciale

 

Il tema dei costi di produzione è un argomento particolarmente critico in ambito ortofrutticolo per tutta una serie di peculiarità che caratterizzano il settore, che si amplificano se prendiamo in esame un prodotto dal ciclo annuale come il melone. Innanzitutto, le variabili da considerare sono innumerevoli, a partire dalla tipologia di impianto (materiali, varietà, sesti ecc.), alla tecnica colturale adottata (integrato, biologico ecc.) al costo della manodopera in quel determinato areale o di alcuni mezzi tecnici (il costo dell’irrigazione varia lungo lo stivale) al netto di tutte le complicazioni di carattere climatico, che, come vedremo, stanno incidendo non poco.

Quali sono le voci di costo più critiche? Quali strategie adotta il produttore per ottimizzare i costi? Sono domande complesse alle quali cercheremo di dare una risposta grazie all’aiuto dei diretti interessati: i produttori.

Chiaramente il primo nodo da sciogliere è capire il costo di produzione medio di un ettaro di meloni. Nella fattispecie prenderemo in considerazione la tipologia retato – che è la più diffusa in Italia – e una gestione da impresa in economia (casistica dove l’imprenditore amministra l’azienda agricola e ricorre all’utilizzo di manodopera salariata) dove si comprendono i costi di coltivazione espliciti e impliciti medi ordinari, senza considerare il margine del produttore.

melone1.jpg

Dalle analisi del Monitor ortofrutta di Agroter, che si sono concentrate specialmente negli areali del centro-Nord Italia, è possibile individuare dei valor medi relativi al 2023 in funzione delle principali tecniche di coltivazione: serra (a partire da 16-17 mila €/ha fino a 26-30 mila €/ha per gli impianti più strutturati), tunnellino (PE 12-14 mila €/ha) e Tessuto non tessuto (10-12 mila €/ha).

Chiaramente il costo ad ettaro deve essere riparametrato in funzione della resa produttiva, che può variare, in media, da 30 a 35 ton/ha, generando così un costo al chilo che oscilla fra 30 e 70 centesimi.

N.B. Questi sono valori relativi alla parte di campagna, al netto del margine del produttore. Per avere il costo f.co partenza magazzino mancano tutte quelle voci di costo relative alla parte di lavorazione e confezionamento, e più in generale del post raccolta, che non approfondiremo in questa sede dove ci si concentra sulla parte meramente agricola.

Ad ogni modo, quelli appena descritti sono dei valori medi che hanno l’obiettivo di inquadrare il tema, non di fornire un dato puntuale che rappresenti l’intera produzione melonicola italiana. Infatti, come spiegato ad inizio articolo, ogni realtà produttiva, in funzione delle sue caratteristiche, avrà una struttura dei costi che si potrà più o meno distanziare dalla nostra analisi.

Il punto di vista dei produttori

 

A prescindere da ciò è interessare comprendere quali sono le voci di costo più difficile da gestire da parte degli imprenditori che ogni anno si trovano ad affrontare nuove sfide che hanno un impatto diretto sui costi, come ci racconta Francesca Nadalini, vicepresidente dell'Op Sermide Ortofruit.

Francesca Nadalini.JPG

Francesca Nadalini - Vicepresidente dell'Op Sermide Ortofruit

"In effetti le variabili da gestire sono innumerevoli e spesso imprevedibili. Per esempio, era imponderabile l’aumento repentino delle plastiche e dei mezzi tecnici – diretta conseguenza dei rincari energetici a causa del conflitto ucraino – di appena due anni fa. Adesso la situazione è rientrata, ma ogni anno dobbiamo far fronte all’inimmaginabile. Per esempio, nelle produzioni in serra, stiamo constatando una riduzione della vita delle copertura – probabilmente a causa di sbalzi termici più accentuati rispetto al passato – e questo comporta un inevitabile aumento dei costi. Allo stesso tempo, le spese di smaltimento del film plastico, impiegato anche nella pacciamatura o per i tunnellini, sono aumentate sensibilmente".

 “Ovviamente, abbiamo già fatto delle valutazioni relativa ai film biodegradabili, ma, nei nostri areali caratterizzati da terreni argillosi, le diverse pratiche colturali devono essere effettuate con un timing superiore rispetto ad altre zone, e questo limita le performance tecniche di questa tipologia di copertura”. 

Una osservazione che evidenza come effettivamente ogni areale abbia delle pecualiarità che incidono notevolmente sull’aspetto produttivo, e quindi sui costi. Tuttavia, ciò che più preoccupa l’imprenditrice lombarda è l’impatto del cambiamento climatico: “Riuscire a mantenere un livello produttivo adeguato sta diventando un aspetto prioritario perché, se le rese si abbassano troppo, i costi diventano insostenibili, e il clima, sotto questo punto di vista, non ci sta certamente aiutando: oramai grandinate, bombe d’acqua, venti forti e temperature estreme stanno diventando la normalità. Probabilmente si andrà verso una melonicoltura dove i sistemi di protezione, a partire dalle serre, saranno sempre più importanti, ma questo implica un cambio di passo che ha diverse implicazioni di non poco conto, a partire dalla programmazione di investimenti che richiedono un piano finanziario ed economico molto strutturato”.

nadalini.jpg

L’incremento dei costi di produzione, causato da eventi climatici avversi, è confermato anche da Marco Spinetti, responsabile controllo qualità e produzione di Top Melon.

Spinetti.jpeg

Marco Spinetti - Responsabile controllo qualità e produzione di Top Melon

 “In linea di massima i costi elencati corrispondono alle spese che sono state affrontate per l’annata precedente a questa, mentre al momento credo che il 2024 si stia presentando con una campagna ancora più ostica, e quindi onerosa della scorsa. Molte voci di costo “secondarie” divengono sempre più importanti e gravose e questo dipende molto dal clima che sta cambiando. Infatti, anche avversità per le nostre zone normalmente trascurabili come lumache e nottue (e molte altre ancora), prolificano a causa delle temperature minime molto alte e della costante bagnatura dovuta alle piogge, con danni alle colture. Tra risarcimenti, mezzi di difesa e manodopera extra per gestire le criticità ci sarà sicuramente un aggravio dei costi.”

“Una tendenza che si sta confermando anno dopo anno, tanto che la difesa dalle avversità biotiche sembra essere la voce di costo con il maggior trend di crescita nel corso del tempo. Molti fitofagi e agenti di malattie fungine sono favoriti da questa umidità costante, dovuta alle piogge ripetute, e non manca il diffondersi di patologie gravi quali Phitium spp, Didimella, pseudoperonospora etc.”.

“Inoltre, non dimentichiamo come la voce di costo principale rimanga senza dubbio la manodopera, sempre più difficile da reperire e indispensabile nel melone durante tutto il ciclo di coltivazione, dalla realizzazione degli impianti fino alla raccolta” conclude Spinetti.

melone2.jpg

Il Ruolo del miglioramento genetico

 

In un contesto così complicato, la scelta varietale assume un ruolo ancora più importante come ci spiega Matteo Bano, Account Manager melone e anguria area nord di BASF | Nunhems.

Senza dubbio, uno degli obiettivi principali del breeding è quello di introdurre varietà che possano contenere i costi di produzione, e sicuramente la capacità di fornire buone rese produttive è il primo aspetto da considerare, ma, parimenti, è necessario un livello qualitativo adeguato per generare valore. In sostanza, è cruciale che una nuova varietà mostri il perfetto equilibrio fra alte rese e pregevoli qualità dei frutti, e, per fare un esempio, Bernini racchiude in sé queste caratteristiche.
Matteo Bano.jpg

Matteo Bano

Account Manager melone e anguria area nord di BASF | Nunhems

“Un altro aspetto da non sottovalutare riguarda la possibilità di contenere il numero di stacchi per ciclo colturale, grazie ad una maturazione concentrata dei frutti. Questa caratteristica è particolarmente importante per le grandi aziende in quanto hanno la possibilità di ottimizzare la gestione della manodopera legata alla raccolta, che sappiamo essere una delle voci più gravose. Per esempio, si può passare da 6-7 stacchi a circa 3 stacchi senza incappare in problemi legati alla maturazione abbassando notevolmente i costi legati alla raccolta.”

bernini (2).jpg
Come evidenziato dai produttori, la gestione degli stress biotici ed abiotici sta assumendo un ruolo sempre più importante ed anche in questo campo il miglioramento genetico può dare un supporto significativo, a partire dalla resistenza ai patogeni. Attualmente le malattie più critiche per il melone sono l’oidio e la peronospera, mentre, per quanto riguarda i parassiti, gli afidi sono quelli più temibili, soprattutto dopo la revoca di diversi principi attivi che ne limitavano la diffusione. L’altra grande criticità riguarda le malattie del terreno, dai nematodi al fusarium, particolarmente ostiche nei terreni stanchi. In questo caso l’utilizzo del portinnesto è diventata una pratica comune, nonostante il costo delle piantine aumenti in modo sensibile e vada ad incidere non poco sui costi complessivi. Su questo aspetto stiamo implementando nelle diverse linee tratti genetici che conferiscano resistenze e maggiore rusticità alle piante nell’ottica di contenimento dei costi.
Matteo Bano.jpg

Matteo Bano

Account Manager melone e anguria area nord di BASF | Nunhems

“L’offerta varietale di BASF | Nunhems – conclude Bano – annovera diverse varietà altamente tolleranti all’oidio, e, tutte le nuove introduzioni mostrano delle ottime tolleranze agli afidi; chiaramente non risolvono la problematica, ma di certo contribuiscono a limitarne lo sviluppo. I nostri ricercatori sono all’opera per ottenere varietà sempre più resistenti ai diversi tipi di stress e malattie telluriche”.

 

Per maggiori informazioni

Matteo Bano
Matteo Bano
Account Manager Melone e Anguria Centro-Nord

La divisione Agricultural Solutions di BASF 

Tutto ciò che facciamo lo facciamo per amore dell'agricoltura, un'attività fondamentale per fornire una quantità sufficiente di cibo sano e conveniente a una popolazione in rapida crescita, riducendo al contempo gli impatti ambientali. Ecco perché abbiamo instaurato collaborazioni con partner ed esperti per integrare i criteri di sostenibilità in tutte le decisioni aziendali. Con 944 milioni di euro nel 2023, continuiamo a investire in una solida filiera di ricerca e sviluppo, associando a una mentalità innovativa l'azione pratica sul campo. Le nostre soluzioni sono studiate appositamente per i diversi sistemi di coltura. Unendo sementi e requisiti agronomici, prodotti fitosanitari, strumenti digitali e approcci sostenibili, puntiamo a offrire i migliori risultati possibili ad agricoltori, coltivatori e tutti gli altri soggetti interessati che operano nella filiera. Con i nostri team di laboratorio, quelli attivi sul campo, negli uffici e in produzione, facciamo tutto il possibile per creare un futuro sostenibile per l'agricoltura. Nel 2023 il nostro reparto ha generato vendite per 10,1 miliardi di euro. Per maggiori informazioni, visitate www.agriculture.basf.com o i nostri canali social. 

BASF 

"We create chemistry": questo è lo slogan di BASF, azienda chimica impegnata a creare un futuro sostenibile. Per noi il successo economico va di pari passo con la tutela dell'ambiente e la responsabilità sociale. Circa 112.000 dipendenti del Gruppo BASF contribuiscono al successo dei nostri clienti in quasi ogni settore di attività e paese del mondo. Il nostro portfolio è organizzato in sei segmenti di business: Chemicals, Materials, Industrial Solutions, Surface Technologies, Nutrition & Care e Agricultural Solutions. Nel 2023 BASF ha generato vendite per 68,9 miliardi di euro. Le azioni BASF sono quotate in borsa a Francoforte (BAS) e negli Stati Uniti come American Depositary Receipts (BASFY). Maggiori informazioni sono disponibili su www.basf.com

Ultimo aggiornamento 4 giugno 2024